Lug 30,2014
1603
“Sono pigro per correre di mio, figuriamoci se corro dietro le persone. Scappate pure, che magari inciampate e cadete di faccia.”

La logica del cappellaio matto. (via diariodiunaspirantesuicida)

HAHAHAH

(via nonvoglioperdertineoranemai)

Lug 30,2014
972836
Lug 30,2014
708260
Lug 30,2014
5214
Lug 30,2014
750867
Lug 30,2014
2302
Lug 30,2014
396
Anonimo: ci racconti la tua prima volta? gnew

fobiadellepersone:

deepinmyboness:

Dopo mesi di litigate per capire che cosa farne di quella che era iniziata come una storiella estiva, mi sono ritrovata a prendere un treno che mi avrebbe portata a 100 chilometri da qui, e 700 metri più vicina al cielo. Era novembre inoltrato e in paese iniziava a fare davvero un gran freddo. Era novembre, dicevo, e io ero appena arrivata in stazione dove mi aspettava il gran punto interrogativo che era quel ragazzino di due mesi più piccolo di me. Il 27 novembre del 2012 improvvisammo una danza fatta di spinte e di abbracci sofferti, tra una lacrima e una carezza, proprio davanti alla stazione. Ci odiavamo. Dannazione ci odiavamo a tal punto che ci amavamo così forte, così davvero. E poi c’era una casa, in via Roma. Una sua vecchia casa, un attico in cui ormai da anni non abitavano più. Ma lui aveva le chiavi. Era una casa piccola, fredda, senza i riscaldamenti e buia, senza illuminazione. Era perfetta per due come noi che non ne potevano più di stare lontani. Mi prese per mano e andammo nella camera matrimoniale. C’erano solo due materassi su un letto a due piazze, un armadio a muro lungo e alto tutta la parete, due cuscini, un comò, uno specchio e una finestra che credo desse sul tetto (non l’aprimmo mai quella finestra.). Era perfetta. io mi guardavo intorno estasiata, con un sorriso idiota stampato in faccia dal momento in cui ero entrata in quella camera. Alla fine i miei occhi si posarono su di lui. Il suo sguardo non si era mai staccato da me per tutto quel tempo lì dentro la camera, per tutto quel tempo in tutti quei mesi..mi baciò prendendomi il viso tra le mani, poi, abbracciandomi..mi veniva da sorridere, da piangere, da cantare, da tremare. Senza rendercene conto eravamo già sul letto, impegnati in una tenera lotta di movimenti impacciati, di sorrisi sinceri e di sguardi e pupille dilatate (me l’aveva detto lui, che quando guardi qualcosa che ami le tue pupille si espandono fino al 70%). Poi è stato un attimo, il tempo di rendermi conto di essere sdraiata sopra di lui. Mi bloccai di colpo, mi misi seduta. “Fabrizio..” e avevo il cuore in gola..di scatto si è tirato su anche lui “dimmi..” e a momenti entravamo entrambi in iper ventilazione..ho fatto un respiro profondo e poi lo dissi, con il tono di chi sta confessando il segreto più grande della storia, con il tono di chi ti sta mettendo al corrente della cosa più preziosa al mondo, con il tono con cui si confessa la paura più grande, il torto più imperdonabile. Feci un gran respiro profondo e semplicemente lo dissi: “Fabrizio, io ti amo.”. Poi chiusi gli occhi stringendo le palpebre, come se stringendole mi sarebbe stato impossibile anche sentire quel silenzio assordante, e sperando di non aver rovinato tutto, come è sempre stato mio solito fare. Sentii lui tirare un sospiro di sollievo, e sono certa di aver sentito nel buio che ci circondava, anche il rumore di un sorriso. “Anch’io, ti amo.”. E di colpo ero la ragazza più felice al mondo. Niente avrebbe potuto rendere qual momento più bello di così, assolutamente niente.
Questa è stata la mia prima volta, la prima volta che ho capito di amare qualcuno, il mio primo “ti amo”, sussurrato tra le lacrime e il fiatone, come se quei 100 chilometri e 700 metri me li fossi fatti a correre..e dio, dio ne è valsa la pena di ogni centimetro fatto, che mi ha portata in quella stanza, da quello che anche oggi ricordo ancora come “l’amore della mia vita”, nonostante sia lontano, lontano in tutti i modi in cui una persona può essere o diventare lontana da un’altra.

Wow

Lug 30,2014
1214
“I’m one of those people who doesn’t really know what he thinks until he writes it down.”
 Stephen King11/22/63 (via feellng)
Lug 30,2014
60716

People
are not
rain
or
snow
or autumn
leaves;

they
do not
look
beautiful
when
they
fall

Nav K  (via splitterherzen)

//

(via angelo-da-bar)

Lug 29,2014
0
Lug 29,2014
3
Lug 29,2014
2